La pandemia non frena l’ingegno: nasce a Formigine una speciale levigatrice multifunzione

Dall’esperienza di Admina sulla prototipazione nasce Quak: Lorenzo Bertellini, l’architetto che l’ha progettata, è il protagonista della video-dimostrazione. Ideale per la coltelleria e per l’artigianato

MODENA - La levigatrice Quak è proprio nata sotto il segno del lockdown dello scorso marzo. A distanza di un anno dalla sua ideazione, Admina, l’azienda di prototipazione con sede a Formigine, lancia il suo nuovo prodotto con una presentazione interattiva e digitale.

Il giovane architetto che ha progettato il macchinario si chiama Lorenzo Bertellini ed è proprio lui il protagonista del video dimostrativo: “Durante lo scorso lockdown l’ufficio era chiuso, sia io che i miei collaboratori, come moltissimi altri, ci arrangiavamo con il lavoro agile da casa. È stato proprio durante questa “pausa forzata” che ho cominciato a lavorare su Quak, il cui nome mi è stato suggerito da un assistente di tutto rispetto che mi ha supportato nei primissimi progetti: mio figlio di 5 anni. Molto ingenuamente gli chiesi, guardando i disegni, cosa gli ricordasse la forma della macchina che stavo realizzando e lui mi rispose prontamente ‘una papera papà, quak-quak’.” Bertellini è nato nella terra dei motori, della metalmeccanica. Dopo gli studi da architetto, passione ereditata dal nonno, il grande pittore modenese Erio Baracchi, ha voluto applicare le sue conoscenze per creare macchinari volti a facilitare e migliorare il lavoro del ferro, tra cui la levigatrice Quak.


“Abbiamo originariamente immaginato la levigatrice per la lavorazione artigianale dei coltelli, settore in cui l’Italia vanta una posizione di pregio a livello internazionale” introduce l’architetto. La vera peculiarità di questa macchina è la sua versatilità e dinamicità: è stata pensata per poter essere utilizzata con configurazioni specifiche a seconda del risultato che si vuole ottenere. La struttura portante infatti può cambiare posizione, ruotando fino a 180° sul proprio asse in modo tale da limitare gli spazi di manovra. Inoltre, questa possibilità evita l’impiego di inverter vettoriali per la regolazione del numero dei giri del motore oppure l’inversione di rotazione dello stesso e di conseguenza del nastro abrasivo.

“La levigatrice può essere dotata di diversi accessori, a seconda della lavorazione che si intende effettuare”, Bertellini dimostra esaustivamente il loro funzionamento nella presentazione video: dal classico pianetto verticale come elemento di contatto, alle differenti tipologie di pianetti poggia-pezzo, entrambi inclinabili in modo da migliorare il risultato finale; dalla ruota di contatto (con un diametro fino a 400mm) alla forchetta americana, insieme ai relativi rulli gommati di diversi diametri. “Non ho mai smesso di lavorare a questo progetto, da un anno a questa parte ci sono stati dei grandi passi avanti e Quak è in continua evoluzione: il nuovo design è in fase di ultimazione, abbiamo migliorato l’estetica rendendola più accattivante e allo stesso tempo più funzionale, avendo inoltre ridotto le misure della macchina stessa, senza rinunciare alla portata.” Conclude Bertellini.


Ulteriori informazioni su Quak sono consultabili sul loro sito internet www.adminasrl.eu/quak oppure sui loro canali social Linkedin e Facebook. A questo link il teaser trailer della macchina: www.youtube.com/watch?v=-Xc4ZWSonEs Per vedere il video integrale di presentazione, si consiglia di inviare una mail a tecnico@adminasrl.eu